Presentazione del volume “L’arte rupestre di Foppe di Nadro Vol. 1: catalogo delle rocce incise” – sab 25 nov 2017 – Nadro di Ceto

Citazione

Sabato 25 novembre 2017, ore 9:00 – Nadro di Ceto (Bs) – Museo della Riserva

Il Centro Camuno di Studi Preistorici e la Riserva naturale delle incisioni rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo hanno il piacere di presentare l’ultima novità editoriale delle Edizioni del Centro “L’arte rupestre di Foppe di Nadro. Vol. 1: catalogo delle rocce incise” e i recenti lavori di restauro delle edicole votive del centro storico.

PROGRAMMA
ore 9:00 Incontro dei partecipanti presso il Museo della Riserva a Nadro di Ceto
ore 9:15 Visita dell’edicola della Madonna di via Piana
ore 9:30 Benvenuto e introduzione alla giornata di Marco Lanzetti (Presidente Ente Riserva), Marina Lanzetti (sindaco di Ceto) e di un rappresentante del MiBACT
ore 9:50 Tiziana Cittadini: Foppe di Nadro: area di sperimentazioni nell’ambito dello studio, documentazione e valorizzazione dell’arte rupestre. Presentazione del volume.
ore 10:00 Cristina Gastaldi e Federico Troletti: L’area di Foppe di Nadro nel quadro della storia delle ricerche in Valle Camonica: dai primi visionari esploratori alle riprese in 3D
ore 10:20 Paolo Medici: Dalla soggettività all’oggettività: l’evoluzione della documentazione nell’arte rupestre
ore 10:40 Silvana Gavaldo, Cristina Gastaldi, Giulia Rossi, Paolo Medici. Panoramica sull’arte rupestre del settore Sud di Foppe di Nadro
ore 11:40 Federico Troletti. Le edicole votive di Ceto e i recenti restauri

In occasione della presentazione offriamo il volume con uno sconto del 10% sul prezzo di copertina (€ 20, anziché € 22) e una speciale promozione. Con soli € 40 (anziché € 62) è possibile acquistare due volumi: L’arte rupestre di Foppe di Nadro. Vol. 1 + Lucus rupestris, sei millenni di arte rupestre a Campanine di Cimbergo.

Se si desidera acquistare e pagare con PayPal seguire questo link
Se si desidera ordinare e pagare con bonifico si prega di scriver a info@ccsp.it

L’arte rupestre torna protagonista. Due mesi di eventi in preparazione al Congresso IFRAO 2018

Il Centro Camuno di Studi Preistorici (CCSP) sta organizzando per questo autunno una serie di eventi e iniziative volte a promuovere e sottolineare il valore del patrimonio culturale e archeologico della Valcamonica, in preparazione al 20 Congresso Mondiale IFRAO “Standing on the shoulders of the giants / Sulle spalle dei giganti – Incontro con l’arte rupestre mondiale”, che si terrà a Darfo Boario Terme nell’estate 2018.

Sabato 14 ottobre 2017 – CASTELLI E FORTIFICAZIONI
Il convegno dal titolo “Castelli e Fortificazioni dalla Valcamonica alla Franciacorta” è in programma per sabato 14 ottobre (dalle 9.15 alle 14,00) a Gorzone, presso il Castello Federici. La giornata è dedicata agli aspetti storico-architettonici di fondazione e evoluzione di fortificazioni e dei castelli presenti nel territorio camuno, sul lago d’Iseo e nella limitrofa Franciacorta. Parteciperanno a questo appuntamento Angelo Valsecchi, Federica Matteoni, Federico Troletti, Alice Leoni, Angelo Giorgi e Simone Sesito. (programma e approfondimenti qui)

18 – 29 ottobre 2017 – MOSTRA STONE IMAGES
Stone Images – Rock art: the first global expression”. È questo il titolo della mostra allestita al Castello Sforzesco di Milano, nell’iconica iconica del Cortile delle Armi. L’esposizione, che si terrà dal 18 al 29 ottobre, è organizzata e promossa dal Centro Camuno di Studi Preistorici (CCSP), dalla Società Cooperativa Archeologica “Le Orme dell’Uomo” e dall’Associazione Lombarda Archeologica. La mostra sarà composta da 30 pannelli fotografici che presentano la lunga storia artistica dell’uomo preistorico; le immagini, raffiguranti rappresentazioni incise e dipinte sulla pietra, hanno lo scopo di introdurre ai visitatori l’arte delle origini di respiro mondiale. (dettagli e approfondimenti qui)

25 ottobre 2017 – TAVOLA ROTONDA
All’interno di questo evento è stata inoltre organizzata, per mercoledì 25 ottobre presso la Sala studio della Biblioteca d’Arte del Castello Sforzesco, la tavola rotonda dal titolo “Stone Images – Arte rupestre, primo fenomeno globale”, moderata da Lucia Bellaspiga (Archeologa, giornalista quotidiano Avvenire) in cui interverranno Angelo Eugenio Fossati (Coop. Le Orme dell’Uomo, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano), Mila Simões de Abreu (UTAD – CETRAD, CCSP, Coop. Le Orme dell’Uomo), Andrea Arcà (Coop. Le Orme dell’Uomo, Università di Pisa) e Tiziana Cittadini (Centro Camuno di Studi Preistorici). (dettagli e approfondimenti qui)

26 – 28 ottobre 2017 – SEMINARIO TEMATICO
L’Aula Magna dell’Università della Montagna (Via Morino, 8 – Edolo BS) ospiterà giovedì 26 ottobre dalle ore 15.30 il Seminario dal titolo “Duoro e Valcamonica: due siti del patrimonio mondiale a confronto” in attuazione del progetto “ITALIAN MOUNTAIN LAB” per la creazione di una rete nazionale ed europea per lo sviluppo di studi su settori strategici delle aree interne e montane. Il seminario, sostenuto da Unimont, Utad, Cedrat, Erasmus+, CCSP e Coop. Le Orme dell’uomo vedrà gli interventi di

Mila Simões De Abreu (UTAD – CETRAD): Due santuari nella Preistoria. L’arte rupestre del Douro e della Valcamonica: dal Paleolitico ai nostri giorni

Federico Troletti (CCSP): L’attività silvo-pastorale in epoca storica in alcuni siti con archeologia rupestre

António Crespi (UTAD – CITAB): Flora e vegetazione del Douro.

Tiziana CITTADINI (Direttore Riserva Naturale delle Incisioni Ceto, Cimbergo Paspardo):  Il riutilizzo dell’ambiente naturale in un contesto archeologico

António Pirra (UTAD – Centro de QUIMICA): La vitivinicoltura Portoghese: Douro la più antiche regioni vinicola demarcata e regolamentata del mondo

Angelo Fossati (Le Orme dell’Uomo; Università Cattolica, Milano): L’arte dei guerrieri in Valcamonica e nel Douro, un aggiornamento.

Sabato 28 ottobre sarò dedicato a un’uscita didattica presso la USCITA DIDATTICA
28 ottobre 2017 Riserva Naturale delle Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo, Paspardo
(per dettagli clicca qui)

25 novembre 2017 – presentazione del libro “L’ARTE RUPESTRE DI FOPPE DI NADRO”
Ultimo, ma non meno importante è l’appuntamento di sabato 25 novembre 2017,  presso il Museo della Riserva di Nadro. In occasione della presentazione del volume “L’arte rupestre di Foppe di Nadro. Vol 1” si terrà una Giornata di studio e di approfondimento.

Il maggior sponsor del congresso è la Finanziaria di Valle Camonica, mentre le iniziative collaterali sono supportate dalla Camera di Commercio di Brescia e dalle Forge Fedriga.

Un programma intenso che ha l’obiettivo di avvicinare un vasto pubblico alle risorse culturali di un piccolo territorio, che racchiude un patrimonio ricco di storia.

IFRAO 2018 – Informazioni Generali e logistica

Cari Amici e Colleghi,

Nella  seduta del 4 settembre 2015, il comitato dell’IFRAO riunitosi a Caceres in Spagna,  ha scelto la Valle Camonica quale sede del prossimo XX INTERNATIONAL ROCK ART CONFERENCE IFRAO 2018, individuando nel Centro Camuno di Studi Preistorici e nella  Cooperativa Archeologica “Le orme dell’Uomo “ gli organizzatori dell’evento.

CALL for PAPERS
Si è aperta la CALL for PAPERS del 20th International Rock Art Congress IFRAO2018, gli interesati sono pregati di compilare il modulo per la proposta oppure di inviare una mail a ifrao2018@ccsp.it o al chiar della sessione allegando:
– titolo della presentazione, nome dell’autore, affiliazione e sessione preferenziale
– abstract in INGLESE, massimo 200 parole, con 5-6 parole chiave
– due immagini in alta risoluzione (300 dpi) in formato .jpg o .tiff
Deadline 30 novembre 2017
download list and rational of the sessions

ISCRIZIONE
Per compilare il registration form clicca qui
Il pagamento dell’iscrizione dà diritto a seguire tutte le sessioni, a ricevere la borsa della conferenza con il libro degli abstract su chiavetta USB, a prendere parte agli eventi gratuiti collegati al convegno e ai coffee break. (Alcune escursioni possono prevedere costi aggiuntivi)
Il pagamento dell’iscrizione è obbligatorio per i relatori. Ricordiamo ai relatori che l’iscrizione non implica necessariamente l’accettazione degli abstract presentati.
Il semplice accesso alle sale in cui si terranno le comunicazioni è libero e gratuito.

ARRIVARE E SOGGIORNARE IN VALCAMONICA

Benvenuti in Valcamonica, stretta vallata alpina, popolosa e ricca di industrie, a nord delle città di Bergamo e Brescia, in Lombardia. Al suo limite meridionale si estende lo splendido lago d’Iseo, mentre a nord la valle termina con alte montagne che giungono fino alla cima dell’Adamello a 3554 metri sul livello del mare. Le aree con arte rupestre si concentrano sui pendii della media valle.

Sede del Congresso
Le sessioni del Congresso IFRAO 2018 saranno ospitate nella prestigiosa sede del Centro Congressi di DarFo B.T. e della contigua sede della Consolata. Il Centro Congressi occupa una struttura di oltre 3.000mq, organizzata con intelligenza nella sua concezione complessiva ed architettonica dallo studio Gregotti ed Associati, una tra le più prestigiose firme dell’architettura italiana a livello internazionale (per informazioni clicca qui)

Arrivare in Valcamonica
Areoporti: Orio al Serio International Airport (Milano-Bergamo) (90 km); Linate International Airport (Milano) (140 km); Malpensa International Airport (Milano) (190 km); Airport V. Catullo (Verona) (110 km)
Il mezzo più comodo per raggiungere la Valcamonica è l’auto, per dettagli e preventivi sul noleggio clicca qui
La Valcamonica è raggiungibile in autobus e in treno, le stazioni più vicine sono Darfo e Boario Terme. Verificate per tempo le coincidenze da Brescia e Bergamo sul sito
http://www.muoversi.regione.lombardia.it/planner/
http://www.trenitalia.com

Tariffe medie del servizio taxi da e per i princiapli aeroporti:
Orio al Serio International Airport (Milan-Bergamo) – Capo di Ponte 90€ (one way)
Linate International Airport (Milan) – Capo di Ponte 120€ (one way)
Malpensa International Airport (Milan) – Capo di Ponte 150€ (one way)
Airport V. Catullo (Verona) – Capo di Ponte 180€ (one way)

Soggiornare in Valcamonica
La DMO (Destination Management Organization) è partner ufficiale di IFRAO 2018. I pacchetti per il soggiorno dei relatori saranno disponibili da gennaio 2018. Riportiamo una tabella di sintesi con i costi indicativi delle sistemazioni.
Pasti
Sarà organizzato un servizio cattering presso la sede del Congresso.

PROGRAMMA
Sulla webpage dedicata al congresso è disponibile il programma preliminare che verrà aggiornato ogni mese. Le sessioni si svolgeranno tra il 29 agosto e il 2 settembre. Le visite e i viaggi collegati al convegno si svolgeranno fra il 3 settembre e il 6 settembre. A breve troverete maggiori dettagli sul sito

CALL for PAPERS – BCSP43 (it)

Cari Amici e Colleghi,

In una veste rinnovata ma fedele alle sue tradizioni, la redazione del BCSP seleziona periodicamente contributi originali in forma di saggi e news brevi. I testi pubblicati sul BCSP si intendono preliminarmente approvati dal comitato scientifico e dal comitato di redazione. I testi delle comunicazioni dovranno essere in inglese, francese o italiano. Il volume 43 del BCSP è previsto per novembre 2017.

Saggi
Saranno pubblicati saggi in lingua italiana, francese o inglese, della lunghezza indicativa di 60.000 battute (circa 12 cartelle in corpo 12) comprese la bibliografia e le note a piè di pagina, illustrati da un massimo di 10 immagini. La redazione del testo va uniformata alle norme editoriali del BCSP.

News brevi
Saranno pubblicati saggi in lingua italiana, francese o inglese, della lunghezza indicativa di 15.000 battute comprese la bibliografia e le note a piè di pagina, illustrati da un massimo di 5 immagini.

Papers submission deadline: 15 ottobre 2017

e-mail di contatto con la redazione: federico.troletti@ccsp.it
maggiori dettagli sulla pagina web dedicata

call43 it

CALL for PAPERS – IFRAO2018 (versione italiana)

Il Centro Camuno di Studi Preistorici (CCSP) e la Società Cooperativa Archeologica “Le Orme dell’Uomo” hanno il piacere di invitarvi al 20th International Rock Art Congress che si terrà a Valcamonica dal 29 agosto al 2 settembre 2018.

Le date di questo evento di importanza mondiale coincideranno con il trentesimo anniversario dalla fondazione dell’IFRAO e della cooperativa Le Orme dell’Uomo e con il cinquantesimo anniversario dal primo Valcamonica Symposium.

Durante il congresso verranno approfonditi argomenti relativi allo studio dell’arte rupestre, all’archeologia, alla cultura e alla società, dalle origini ai giorni nostri. Durante i cinque giorni di congresso, i maggiori esperti internazionali, ricercatori, giovani studiosi e appassionati, si riuniranno e presenteranno i risultati e gli studi sull’arte rupestre, archeologia rupestre e di altri campi di ricerca pertinenti l’arte paleolitica e post-paleolitica di tutto il mondo. Sono previste più di 40 sessioni, workshop, conferenze, mostre, visite. Grazie al collegamento in streaming sarà possibile seguire alcuni eventi in diretta. Prima e dopo il convegno sono previste giornate di visita alla Valcamonica e nel nord Italia.

Il comitato organizzatore è lieto di annunciare l’apertura della CALL for PAPERS
gli interesati sono pregati di compilare il modulo per la proposta oppure di inviare una mail a ifrao2018@ccsp.it allegando:

► titolo della presentazione, nome dell’autore, affiliazione e sessione preferenziale
► abstract in INGLESE, massimo 200 parole, con 5-6 parole chiave
► due immagini in alta risoluzione (300 dpi) in formato .jpg o .tiff

Deadline 30 novembre 2017

call for papers_flyer
rationals of the sessions

Corso di perfezionamento in Rilevamento dell’Arte Rupestre

Nella splendida cornice della Valle dei Segni – patrimonio UNESCO dal 1979 – l’Università degli Studi di Milano con la sua sede distaccata denominata Università della montagna centro di eccellenza per lo studio, la ricerca e la formazione sulle tematiche montane e il Centro Camuno di Studi Preistorici, da 50 anni all’avanguardia nelle tecniche di documentazione e analisi dell’arte rupestre, organizzano il primo corso multidisciplinare di perfezionamento in
rilevamento dell’Arte Rupestre.

L’arte rupestre è strettamente legata al territorio in cui si cala, tanto da poter essere considerata la prima forma di land-art. Il territorio montano o vallivo in cui è inserita la maggior parte dell’arte rupestre (come ad esempio in Valcamonica) diventa soggetto di valorizzazione nel suo insieme, promuovendo così anche attività di mantenimento del territorio e recupero di aree boschive dismesse o abbandonate per creare percorsi di accesso al patrimonio archeologico. La presenza di arte rupestre può diventare il volano per la valorizzazione, la conservazione e la promozione del territorio e del turismo.

Le lezioni frontali vedranno partecipare i massimi esperti nazionali e internazionali del settore, anche grazie alle lezioni in streaming in diretta dai maggiori istituti di ricerca.

Per dettagli e ulteriori informazioni:clicca qui

Per scaricare il programma completo del corso clicca qui

per maggiori informazioni sul bando clicca qui

Numero massimo posti disponibili: 30
Quota di partecipazione: 680 euro più € 16 per pratiche amministrative (Possibilità di vitto e alloggio in strutture convenzionate)
Periodo di svolgimento: dal 22 agosto al 3 settembre 2016
Lezione introduttiva in streaming: 29 luglio 2016

Iscrizioni: Le domande di ammissione devono essere presentate entro il 30 giugno 2016 seguendo la procedura esplicitata alla pagina http://www.unimontagna.it/percorsi-didattici/rilevamento-dellarte-rupestre/

Destinatari:

Classi di laurea ex DM 16 marzo 2007: L-01 Classe delle Lauree in Beni Culturali, L-06 Classe delle Lauree in Geografia, L-21 Classe delle Lauree in Scienze della Pianificazione Territoriale, Urbanistica, Paesaggistica e Ambientale, L-10 Classe delle Lauree in Lettere, L-32 Classe delle Lauree in Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Natura, L-34 Classe delle Lauree in Scienze Geologiche, L-42 Classe delle Lauree in Storia, L-43 Classe delle Lauree in Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali.
Classi di laurea ex DM 16 marzo 2007 – Determinazione delle classi di laurea magistrale: LM-1 Antropologia culturale ed etnologia, LM-2 Archeologia, LM-10 Conservazione dei beni architettonici e ambientali, LM-11 Conservazione e restauro dei beni culturali, LM-15 Filologia, letterature e storia dell’antichità, LM-74 Scienze e tecnologie geologiche, LM-75, Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio, LM-76 Scienze economiche per l’ambiente e la cultura, LM-80 Scienze geografiche, LM-84 Scienze storiche.
Potranno essere ammessi anche laureati e laureati magistrali in altre discipline previa valutazione dei competenti organi del corso.

Informazioni
Segreteria organizzativa e sede:
Gesdimont
via Morino n. 8 – Edolo (BS)
Tel/Fax. 0364/71324
Mail: corso.edolo@unimi.it
Coordinatrice del corso: Anna Giorgi

Sede attività sul campo:
Centro Camuno di Studi Preistorici
via Marconi 7 – Capo di Ponte (BS)

locandina a4_italiano

ASSEMBLEA DEI SOCI – Capo di Ponte, 19 marzo 2016

Capo di Ponte, 1 marzo 2016

Prot.  2016/31

ASSEMBLEA DEI SOCI

Capo di Ponte (BS),  sabato 19 marzo 2016

 

Ai Soci Onorari ed Effettivi

Agli amici Aderenti

 

 

Ai sensi dell’art. 8 dello Statuto, l’assemblea ordinaria dei soci è convocata per sabato 19 marzo 2015 nella sede del Centro Camuno di Studi Preistorici, a Capo di Ponte, alle ore 08.30. Qualora, come si prevede, non fosse presente la maggioranza dei Soci, la seconda convocazione è fissata per le ore 15.00 dello stesso giorno, ai sensi del citato articolo 8 dello Statuto.

 

15.00-17.00 – Seduta di lavoro

ORDINE DEL GIORNO

–  Introduzione del Presidente del CD
–  Relazioni di membri del CD sui principali progetti realizzati nel 2015
–  Presentazione ed approvazione bilancio consuntivo 2015
–  Relazione dei Revisori dei Conti
–  Conclusioni

Claudio Gasparotti

(Presidente del Consiglio Direttivo)

Attività 2016 del Centro Camuno di Studi Preistorici – newletter n. 1/2016

Il Centro Camuno di Studi Preistorici è lieto di presentare le proprie attività per l’anno 2016.


III CONGRESSO INTERNAZIONALE SANTUARIOS

Santuari, cultura, arte, pellegrinaggio, rogazioni, paesaggi e persone
Valcamonica (ITALIA), 9-13 luglio 2016

La terza edizione del Congresso Internazionale “Santuarios” sarà ospitata in Valcamonica, la Valle dei Segni , riconosciuta patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1979. Come pochi altri siti nel mondo, la Valcamonica racconta una lunga storia di una radicata spiritualità: la grande fioritura di arte rupestre, che le ha valso l’iscrizione nella Word Heritage List dell’Unesco, la dominazione romana, le intricate vicende legate alla cristianizzazione delle Alpi, le numerose pievi, chiese, cappelle, luoghi di culto e santuari.

Il congresso si prefigge di individuare e mettere in relazione i ricercatori che studiano il fenomeno dei santuari, in una prospettiva multidisciplinare che abbraccia il rapporto fra l’uomo, l’ambiente, l’arte e la cultura. Un confronto fra diverse discipline e punti di vista: quello religioso, quello laico e quello di tutti coloro che leggono nell’idea stessa di santuario un punto d’incontro fra arte, tecnica, lavoro e spirito di devozione.

Per informazioni e iscrizioni clicca qui, per contattare la segreteria organizzativa congress@ccsp.it

 

Recording RockArt Fieldwork

18-31 luglio 2016

Il Centro Camuno di Studi Preistorici e il suo Dipartimento Valcamonica e Lombardia organizzano l’annuale campagna di rilevamento finalizzata al completamento e all’integrazione della documentazione delle aree istoriate della media Valcamonica.

Facendo seguito alle precedenti campagne di rilevamento, anche quest’anno i lavori proseguiranno a Foppe di Nadro – Riserva naturale delle incisioni rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo (Valcamonica – Italia). Il Recording RockArt Fieldwork è finalizzato alla documentazione complessiva dell’arte rupestre e del territorio in cui è inserita.

Per informazioni e iscrizioni clicca qui, per contattare la segreteria organizzativa recording.rockart@ccsp.it

 

Corso di perfezionamento in rilevamento dell’arte rupestre
22 agosto-4 settembre 2016

L’Università degli Studi di Milano con la sua sede distaccata denominata Università della montagna, centro di eccellenza per lo studio, la ricerca e la formazione sulle tematiche montane e il Centro Camuno di Studi Preistorici, da 50 anni all’avanguardia nelle tecniche di documentazione e analisi dell’arte rupestre, organizzano il primo corso multidisciplinare di perfezionamento in rilevamento dell’Arte Rupestre.

L’arte rupestre è strettamente legata al territorio in cui si cala, tanto da poter essere considerata la prima forma di land-art. Il territorio montano o vallivo in cui è inserita la maggior parte dell’arte rupestre (come ad esempio in Valcamonica) diventa soggetto di valorizzazione nel suo insieme, promuovendo così anche attività di mantenimento del territorio e recupero di aree boschive dismesse o abbandonate per creare percorsi di accesso al patrimonio archeologico. La presenza di arte rupestre può diventare il volano per la valorizzazione, la conservazione e la promozione del territorio e del turismo. Le lezioni frontali vedranno partecipare i massimi esperti nazionali e internazionali del settore, anche grazie alle lezioni in streaming in diretta dai maggiori istituti di ricerca.

Per informazioni e iscrizioni clicca qui

 

 

1° corso multidisciplinare di perfezionamento in rilevamento dell’Arte Rupestre

Nella splendida cornice della Valle dei Segni – patrimonio UNESCO dal 1979 – l’Università degli Studi di Milano con la sua sede distaccata denominata Università della montagnacentro di eccellenza per lo studio, la ricerca e la formazione sulle tematiche montane e il Centro Camuno di Studi Preistorici, da 50 anni all’avanguardia nelle tecniche di documentazione e analisi dell’arte rupestre, organizzano il primo corso multidisciplinare di perfezionamento in rilevamento dell’Arte Rupestre.

L’arte rupestre è strettamente legata al territorio in cui si cala, tanto da poter essere considerata la prima forma di land-art. Il territorio montano o vallivo in cui è inserita la maggior parte dell’arte rupestre (come ad esempio in Valcamonica) diventa soggetto di valorizzazione nel suo insieme, promuovendo così anche attività di mantenimento del territorio e recupero di aree boschive dismesse o abbandonate per creare percorsi di accesso al patrimonio archeologico. La presenza di arte rupestre può diventare il volano per la valorizzazione, la conservazione e la promozione del territorio e del turismo.

Le lezioni frontali vedranno partecipare i massimi esperti nazionali e internazionali del settore, anche grazie alle lezioni in streaming in diretta dai maggiori istituti di ricerca.

Numero massimo posti disponibili: 30
Quota di partecipazione: 680 euro (Possibilità di vitto e alloggio in strutture convenzionate)
Periodo di svolgimento: dal 22 agosto al 4 settembre 2016
Manifestazione di interesse: inviare una mail a corso.edolo@unimi.it (allegando CV e lettera di presentazione), le iscrizioni saranno perfezionate a partire da un mese prima della data di inizio del corso attraverso specifica modulistica

Destinatari:

Classi di laurea ex DM 16 marzo 2007: L-01 Classe delle Lauree in Beni Culturali, L-06 Classe delle Lauree in Geografia, L-21 Classe delle Lauree in Scienze della Pianificazione Territoriale, Urbanistica, Paesaggistica e Ambientale, L-10 Classe delle Lauree in Lettere, L-32 Classe delle Lauree in Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Natura, L-34 Classe delle Lauree in Scienze Geologiche, L-42 Classe delle Lauree in Storia, L-43 Classe delle Lauree in Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali.
Classi di laurea ex DM 16 marzo 2007 – Determinazione delle classi di laurea magistrale: LM-1 Antropologia culturale ed etnologia, LM-2 Archeologia, LM-10 Conservazione dei beni architettonici e ambientali, LM-11 Conservazione e restauro dei beni culturali, LM-15 Filologia, letterature e storia dell’antichità, LM-74 Scienze e tecnologie geologiche, LM-75, Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio, LM-76 Scienze economiche per l’ambiente e la cultura, LM-80 Scienze geografiche, LM-84 Scienze storiche.

Informazioni
Segreteria organizzativa e sede:
Gesdimont
via Morino n. 8 – Edolo (BS)
Tel/Fax. 0364/71324
Mail: corso.edolo@unimi.it
Coordinatrice del corso: Anna Giorgi

Sede attività sul campo:
Centro Camuno di Studi Preistorici
via Marconi 7 – Capo di Ponte (BS)

Recording RockArt Fieldwork 2016

Nella splendida cornice della Valle dei Segni, riconosciuta patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1979, il Centro Camuno di Studi Preistorici e il suo Dipartimento Valcamonica e Lombardia organizzano l’annuale campagna di rilevamento finalizzata al completamento e all’integrazione della documentazione delle aree istoriate della media Valcamonica.

Facendo seguito alle precedenti campagne di rilevamento, anche quest’anno i lavori proseguiranno a Foppe di Nadro – Riserva naturale delle incisioni rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo (Valcamonica – Italia). (Concessione Soprintendenza Archeologia della Lombardia). Il Recording RockArt Fieldwork è finalizzato alla documentazione complessiva dell’arte rupestre e del territorio in cui è inserita.

Il fieldwork adotterà la seguente metodologia e i partecipanti potranno operare in una o più di queste attività:

• Individuazione delle rocce nell’ambito della concessione archeologica e preparazione delle superfici.
• Posizionamento dei fogli di rilievo in nylon e inizio della rilevazione.
• Rilevamento con stazione totale e georeferenziazione delle rocce.
• Riprese fotografiche secondo gli standard archeologici.
• Riprese 3D delle rocce e delle incisioni (Structure from Motion).
• Digitalizzazione dei fogli di rilievo, elaborazione e ricomposizione in laboratorio.
• Catalogo, analisi e confronti con fonti archeologiche.
• Post-processing dei dati raccolti.

Periodo svolgimento: 18-31 luglio 2016
Posti disponibili:
15
Requisiti:
il corso è rivolto a tutti, in particolare a studenti universitari in archeologia e antropologia e a coloro che hanno esperienza di rilevamento nell’ambito dell’arte rupestre (a cui verrà data priorità di partecipazione).
Deadline:
curriculum e domanda di partecipazione dovranno essere inviati entro il 15 maggio 2016 all’indirizzo recording.rockart@ccsp.it
Costo:
100 € e quota associativa al Centro Camuno di Studi Preistorici (40€).
Alloggio e permanenza in Valcamonica: la Foresteria della Riserva a Nadro, convenzionata con il fieldwork, costa 10 € a notte ed è dotata di cucina.

Verrà rilasciato attestato valido per l’ottenimento di CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI