• 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • jquery carousel
  • 10
011 022 033 044 055 066 077 088 099 1010
cssslider by WOWSlider.com v8.7

Standing on the shoulders of giants / Sulle spalle dei giganti
20th INTERNATIONAL ROCK ART CONGRESS IFRAO 2018
VALCAMONICA Darfo Boario Terme (BS) Italia
29 Agosto - 2 Settembre 2018
  • Info
  • Committee
  • Call
  • Location
  • Sessioni
  • Registration form
  • Sponsor
  • Area stampa

Nella  seduta del 4 settembre 2015, il comitato dell’IFRAO riunitosi a Caceres in Spagna,  ha scelto la Valle Camonica quale sede del prossimo XX INTERNATIONAL ROCK ART CONFERENCE IFRAO 2018, individuando nel Centro Camuno di Studi Preistorici e nella  Cooperativa Archeologica “Le orme dell’Uomo “ gli organizzatori dell’evento.

La scelta è caduta sulla Valle Camonica  perché è stato il  primo sito  con arte rupestre al mondo (insieme con la valle del Vézère in Francia) ad entrare nella Lista del  Patrimonio Mondiale  dell’UNESCO, a cui si sono aggiunti negli anni successivi altre 23  aree,  una  scelta pionieristica che ha portando queste fondamentali manifestazioni  dell’intellettualità umana - prima considerate alla stregua di semplici curiosità - all’attenzione  del mondo come momento fondante della cultura umana.

Il tema di quest’anno “Standing on the shoulders of giants / Sulle spalle dei giganti” esprime proprio il concetto  di come l’arte delle origini con i suoi infiniti simbolismi e archetipi possa costituire una grande miniera  per  l’uomo  moderno consentendogli di guardare al di là e al di sopra delle attuali culture.

La Federazione internazionale delle organizzazioni di arte rupestre (IFRAO) nasce a Darwin (Australia) il 3 settembre 1988 dalla volontà di nove organizzazioni dedite allo studio dell’arte rupestre preistorica, con la finalità di operare come organo consultivo democratico attivo a promuovere azioni a supporto dell’attività di ricerca delle organizzazioni federate nell’ottica di una visione sinergica dello studio dell’arte rupestre. Nel corso degli ultimi ventisette anni, il numero delle organizzazioni aderenti è salito a cinquantasei membri provenienti da tutto il mondo e gli affiliati sono saliti a circa 35.000, facendo dell’IFRAO la più grande associazione mondiale che riunisce gli specialisti nelle discipline legate allo studio dell’Arte Rupestre. Il primo obbiettivo di IFRAO è stato la standardizzazione degli aspetti della disciplina, essenziali per una comunicazione efficace presupposto alla collaborazione a cui si sono aggiunti negli anni gli interventi nel campo della tutela e della conservazione dell’arte rupestre: la federazione è diventata il principale organismo internazionale a perseguire la conservazione dell’arte rupestre preistorica.
Il Centro Camuno di Studi Preistorici e la Cooperativa Archeologica “Le orme dell’Uomo”, hanno portato l’arte rupestre della Valle Camonica (e di molti altri siti mondiali) all’attenzione internazionale attraverso lavori di ricerca, di valorizzazione e di divulgazione, con mostre, convegni, pubblicazioni  ed il Valcamonica Symposium.
In 27 anni si sono svolti Convegni mondiali dell’IFRAO in Australia (Cairns) nel 1992, Portogallo nel 1998 e 2006, India, USA, Bolivia, Brasile, Russia, Francia, Cina, fino all’ultimo a Caceres (Spagna). Per questo nuovo incontro si prevedono dagli 800 ai 1200  partecipanti provenienti da ogni continente, collegamenti streaming con sedi universitarie, sezioni  di lavoro in contemporanea, tavole rotonde sui temi delle origini, visite a siti rupestri ed esposizioni. Sarà anche occasione per presentare al mondo il  patrimonio archeologico presente in Valle Camonica nella sua ampiezza territoriale e cronologica unica,  nella sua  realtà scientifica  più innovativa, nella  gestione dei dati e degli allestimenti museali legati all’arte rupestre.

IFRAO 2018 General Secretary
Angelo Eugenio Fossati (Coop. “Le Orme dell”Uomo” – Università Cattolica di Milano)

Scientific coordinator (CCSP - Centro Camuno di Studi Preistorici)
Mila Simões de Abreu (UTAD-CETRAD - CCSP - Coop. “Le Orme dell”Uomo”)

Scientific Coordinator (Cooperativa archeologica “Le Orme dell'Uomo”)
Andrea Arcà (Coop. “Le Orme dell”Uomo” – Università di Pisa)

Local Coordinator
Tiziana Cittadini (CCSP), Federico Troletti (CCSP), Paolo Medici (CCSP), Valeria Damioli (CCSP)

IFRAO President
Hipolito Collado Giraldo (ACINEP)

IFRAO Convener 
Robert Bednarik (AURA - CARA)

Members of the scientific commission
André Prous (Dep. de Antropologia e Arqueologia, Univ.  Federal de Minas Gerais, Brazil)
Andrea Arcà (Coop. “Le Orme dell”Uomo” - Università di Pisa, Italy)
Angelo Eugenio Fossati (Coop. “Le Orme dell”Uomo” - Università Cattolica di Milano, Italy)
Bansi Lal Malla (Indira Ganhi National Centre for the Arts, India)
Claire Smith (Department of Archaeology, Flinders University, Australia)
Fidelis Masao (EARARA, East African Rock Art Research Association, Tanzania)
Guillermo Munoz  (GIPRI, Grupo de Investigación de Arte Rupestre Indigena, Colombia)
James Keyser (Oregon Archaeological Society, USA)
Jean Clottes (INORA, Société Préhistorique Ariège-Pyrénées - ARAPE, France)
Jean Löic Le Quellec (CNR, AARS - Association des Amis de l’Art Rupestre Saharien, France)
Jo Mcdonald (Centre for Rock Art Research and Management, University of Western Australia)
José Julio Garcia Arranz (ACINEP Asociación Cultural Instituto de Estudios Prehistóricos, Spain)
Maria Giuseppina Ruggiero (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Italy)
Mila Simões de Abreu (UTAD-CETRAD – AARP – CCSP – Coop. “Le Orme dell”Uomo”, Portugal/ Italy)
Paul Taçon (PERAHU – Griffith University, Australia)
Valerie Feruglio (PACEA - UMR5199 - Université de Bordeaux, France)

Scientific commission of the CCSP
Annaluisa Pedrotti (Università di Trento, Italy)
Mila Simões de Abreu (Universidade de Trás-os-Montes e Alto Douro, Vila Real, Portugal)
Raffaele De Marinis (Università degli Studi di Milano, Italy)
Ulf Bertilsson (Göteborgs Universitet, Sweden)
Tino Bino (Università Cattolica di Brescia, Italy)

Executive Committee
General coordinator: Tiziana Cittadini
Secretary: Nives Pezzoni
Editing: Federico Troletti, Valeria Damioli
Logistic and reception: Medici Paolo, DMO
Ceremonial and relation with the international organizations: Roberta Alberotanza
Communication: Roberta Alberotanza, Valeria Damioli with the support of Explora

 

CALL for PAPERS

Si è aperta la CALL for PAPERS del 20th International Rock Art Congress IFRAO2018, gli interesati sono pregati di compilare il modulo per la proposta oppure di inviare una mail a ifrao2018@ccsp.it o al chiar della sessione allegando:

- titolo della presentazione, nome dell'autore, affiliazione e sessione preferenziale
- abstract in INGLESE, massimo 200 parole, con 5-6 parole chiave
- due immagini in alta risoluzione (300 dpi) in formato .jpg o .tiff

Deadline 30 novembre 2017

 

 

INVITO A PRESENTARE PROPOSTE DI SESSIONE - chiusa

Il Centro Camuno di Studi Preistorici (CCSP) e la Società Cooperativa Archeologica Le Orme dell’Uomo (Footsteps of Man) hanno il piacere di invitarvi al XX Congresso Internazionale di Arte Rupestre che si terrà in Valcamonica (Italia) dal 29 agosto al 2 settembre 2018.

Le date di questo evento di importanza mondiale coincideranno con il trentesimo anniversario dalla fondazione dell’IFRAO e della cooperativa Le Orme dell’Uomo e con il cinquantesimo anniversario dal primo Valcamonica Symposium.

Durante il congresso verranno approfonditi argomenti relativi allo studio dell’arte rupestre, all’archeologia, alla cultura e alla società, dalle origini ai giorni nostri. Durante i cinque giorni di congresso, i maggiori esperti internazionali, ricercatori, giovani studiosi e appassionati, si riuniranno e presenteranno i risultati e gli studi sull’arte rupestre, archeologia rupestre e di altri campi di ricerca pertinenti l’arte paleolitica e post-paleolitica di tutto il mondo. Sono previste più di 30 sessioni, workshop, conferenze, mostre, visite. Grazie al collegamento in streaming sarà possibile seguire alcuni eventi in diretta. Prima e dopo il convegno sono previste giornate di visita alla Valcamonica e nel nord Italia.

Gli organizzatori invitano i colleghi a sottoporre alla loro attenzione le proposte di sessione. Ciascuna sessione dovrà essere guidata da un minimo di due ad un massimo di quattro coordinatori, provenienti da organizzazioni diverse. Le sessioni accettate saranno presiedute da due coordinatori, che parteciperanno al congresso. I coordinatori di ciascuna sessione saranno chiamati a promuovere l’evento, invitare i relatori, coordinare la presentazione degli articoli della propria sessione e provvedere al relativo editing per gli atti.

Le proposte di sessione dovranno pervenire alla segreteria del Congresso entro il 15 febbraio 2017. Il comitato scientifico si riunirà a fine febbrario e l’elenco delle sessioni selezionate sarà pubblicato entro marzo 2017.

A nome del comitato organizzatore
Angelo Fossati - Segretario Generale
Mila Simões de Abreu (CCSP) Andrea Arca (Orme dell'Uomo) - Coordinatori scientifici

Per maggiori informazioni: ifrao2018@ccsp.it

 

Benvenuti in Valcamonica, stretta vallata alpina, popolosa e ricca di industrie, a nord delle città di Bergamo e Brescia, in Lombardia. Al suo limite meridionale si estende lo splendido lago d’Iseo, mentre a nord la valle termina con alte montagne che giungono fino alla cima dell’Adamello a 3554 metri sul livello del mare. Le aree con arte rupestre si concentrano sui pendii della media valle.

Sulle rocce levigate dai ghiacciai della Valcamonica, l’uomo preistorico ha inciso con continuità unica i temi della propria cultura: dai cacciatori dell’epoca post-glaciale, attraverso il Neolitico (in cui si verificò la prima introduzione di pastorizia e agricoltura), fino all’età del Rame e del Bronzo, quando la possibilità di lavorare i metalli e l’instaurarsi di reti di scambio commerciali determinarono una profonda trasformazione culturale, processo culminato nell’età del Ferro, quando la società camuna diede vita alla grande fioritura di un’arte rupestre che svela profondi contatti con le culture che la circondano (retica ed etrusca in particolare). Quando i Romani giunsero in Valcamonica nell'anno 16 a.C. incontrarono una popolazione con una struttura socio-politica ben organizzata e una struttura sociale evoluta.

Quando nel 1979 l’arte rupestre della Valcamonica fu ammessa dall’UNESCO, quale primo titolo dell’Italia, nel “Patrimonio Culturale Mondiale” molti si chiesero a quale titolo, le incisioni apparentemente indecifrabili lasciate sulle superfici rocciose da uno sparuto numero di abitanti preistorici di questa valle, avessero diritto a tale onore. Infatti, solo successivamente, analogo riconoscimento fu dato ad opere e luoghi che occupano spazi ben più importanti nella coscienza culturale e nei libri di testo italiani, quali Venezia e la sua laguna, l’Ultima Cena di Leonardo a S. Maria delle Grazie a Milano, i Fori Romani e il Centro Storico di Roma.

La commissione giudicatrice, composta dai rappresentanti di oltre sessanta Paesi, aveva valutato che l’arte rupestre della Valcamonica non era solo espressione di brevi momenti di gloria o d’identità nazionale, era testimonianza della storia d’Europa, di una storia ancora in gran parte inedita. La Valcamonica, con le sue migliaia di incisioni rupestri, datate, ordinate per periodi, analizzate nei contenuti, restituisce all’Europa 15.000 anni di storia, 8.000 dei quali, precedenti all’avvento di Roma, erano stati pressoché dimenticati dalla storiografia contemporanea.

Arrivare in Valcamonica
Areoporti: Bergamo - Orio al Serio (90 km); Verona (110 km); Milano Linate (140 km); Milano Malpensa (190 km)
La Valcamonica è raggiungibile in autobus e in treno, le stazioni più vicine sono Darfo e Boario Terme. Verificate per tempo le coincidenze da Brescia e Bergamo sul sito 
http://www.muoversi.regione.lombardia.it/planner/
http://www.trenitalia.com

Elenco delle sessioni approvate dal Comitato Scientifico

A northerners view on rock art. Aspects, mobility and materiality on the Scandinavian Rock Art
Johan Ling, Jan Magne Gjerde (E-mail contact: johan.ling@archaeology.gu.se)

Advances in Rock Art Research from the Kimberley, North-West Australia
Peter Veth, Jane Balme, Sue O’Connor (E-mail contact: peter.veth@uwa.edu.au; jane.balme@uwa.edu.au; sue.oconnor@anu.edu.au)

And the Holocene arrived: Post Palaeolithic Rock Art around the World
Hipólito Collado Giraldo, José Julio García Arranz, Manuel Bea (E-mail contact: hipolitocollado@gmail.com)

Anthropomorphic images in rock art
G. Terence Meaden, Herman Bende (E-mail contact: terencemeaden01@gmail.com)

Archaeoacoustics for rock art studies
Steven J. Waller, Legor Reznikoff (E-mail contact: wallersj@yahoo.com; dominiqueleconte@yahoo.fr)

Challenges and changes for rock art research in the digital age
Julian Jansen van Rensburg. Bernadette Drabsch, Rebecca Döhl (E-mail contact: rabbobi@zedat.fu-berlin.de; Bernadette.Drabsch@newcastle.edu.au; rebecca.doehl@hu-berlin.de)

Cultural context and significant of Eastern Polynesia and Easter Island‘s rock art and pictographs
Patricia Vargas Casanova, Claudio Cristino-Ferrando (E-mail contact: kiritino@gmail.com)

Current Research in the Rock art of the Eastern Sahara
Paolo Medici, Maria Carmela Gatto, Paweł Lech Polkowski, Heiko Riemer, Frank Förster (E-mail contact: paolo.medici@hotmail.com; ppolkowski@o2.pl; mcg25@leicester.ac.uk; heiko.riemer@uni-koeln.de; frankfoerster@gmx.de)

Distribution, chronology and territoriality of upper Palaeolithic rock art. New discoveries and new approaches towards a review of the the phenomenon
Dario Sigari, Marco Garcia Diez, Valerie Feruglio (E-mail contact: dariothebig@anche.no; feruglio@free.fr)

Experiences of Colonisation: Rock art as a ‘subaltern’ narrative of Indigenous and First Nation Peoples lived experiences during colonial times
Daryl Wesley, Chris Buco, Jane Fyfe (E-mail contact: daryl.wesley@anu.edu.au; Jane.Fyfe@research.uwa.edu.au; jafy62@live.com.au; archeocris@icloud.com)

Inscriptions in rock art
Stefania Casini, Angelo Eugenio Fossati, Blanca María Prósper, Joan Ferrer i Jané, Mohammed Maraqten (E-mail contact: scasini@comune.bg.it; indoling@usal.es; mmaraqten@qu.edu.qa; joan.ferrer.i.jane@gmail.com)

The history of rock art research
Jamie Hampson, Joakhim Goldhahn (E-mail contact: jamie.hampson@york.ac.uk)

Made for being visible. Developing 3D methodologies for the study of rock art carvings. Managing suitability in sites with Rock Art
Miguel Carrero-Pazos, Benito Vilas-Estévez, Alia Vázques-Martínez (E-mail contact: miguel.carrero@usc.es; benito.arborearqueoloxia@gmail.com; alia.vazquez.mtnez@gmail.com; miguel.carrero.pazos@gmail.com)

Managing sustainable rock art site
Tiziana Cittadini, Ramon Montes, Luis Jorge Gonçalves (E-mail contact: rmontes@prehistour.eu; tiziana.cittadini@ccsp.it)

Mens simbolica (Symbolic mind): questions on the mythic-symbolic process, from prehistory to the present day
Umberto Sansoni, Pier Luigi Bolmida, Federico Mailland, Gabriella Brusa Zappellini (E-mail contact: dip.ccsp@gmail.com; ala.archeo@libero.it)

Modern (re)uses of rock art: art, identity and visual culture
Andrzej Rozwadowski, Jamie Hampson, Marta Smolinska (E-mail contact: rozw@amu.edu.pl; jamie.hampson@york.ac.uk; martasb@op.pl)

New research in the rock art traditions of the Alps
Andrea Arcà, Angelo Eugenio Fossati, Damien Daudry, Silvia Sandrone (E-mail contact: ae.fossati@libero.it; aa_arca@yahoo.it; d.daudry@libero.it; ssandrone@departement06.fr)

“On the shoulders of giants”. People and Oral history in Rock-art
Mila Simões de Abreu, Pamela Smith, Guillermo Munoz, Cristina Gastaldi (E-mail contact: msabreu@utad.pt)

Pastoral Graffiti. Old World case studies in interpretative ethnoarchaeology
Giovanni Kezich, Marta Bazzanella, Silvia Sandrone, Adriana Gandolfi (E-mail contact: g.kezich@museosanmichele.it; m.bazzanella@museosanmichele.it; ssandrone@departement06.fr; adrianagandolfi2014@libero.it)

Pigments: from science to art
Ana Isabel Rodrigues, José Mirão, Peter Vandenabeele (E-mail contact: ana.rodrigues@ipma.pt)

Public policies and rock art, between research and preservation
Valerie Feruglio, Nathalie Fourment, Jacques Jaubert, Roberto Ontañon Peredo (E-mail contact: feruglio@free.fr; ontanon_r@cantabria.es)

Recent research developments in rock art research in the Middle East, Caucasus and neighbouring areas
Angelo Eugenio Fossati, Mohammed Maraqten, Dario Sigari (E-mail contact: ae.fossati@libero.it; mmaraqten@qu.edu.qa; dariothebig@anche.no)

Recent Rock Art Research in North America
Mavis Greer, James D. Keyser, Jack Brink (E-mail contact: mavis@greerservices.com; jkeyserfs@comcast.net)

Representations and Symbolism of Death in Rock Art
Larissa Mendoza Straffon, Roberto Martínez González (E-mail contact: mslariss@hotmail.com; nahualogia@yahoo.com.mx)

Representations of weaponry and tools in prehistoric, protohistoric and traditional tribal communities: an approach by archaeology and anthropology
Ana M. S. Bettencourt, Hugo Aluai Sampaio, Manuel Santos-Estévez, Zulfiqar Ali Kalhoro, Alessandra Bravin (E-mail contact: anabett@uaum.uminho.pt; manuel.santos@mundo-r.com; zulfi04@hotmail.com; alessandra@cobratours-maroc.com)

Rock art - reflections of a cultural heritage
Suely Amancio Martinelli, Suely de Albuquerque, Carlos Xavier de Azevedo Netto (E-mail contact: suelyamancio@hotmail.com; lunalua2001@yahoo.com.br; xaviernetto@gmail.com)

Rock Art and Ethnography
Claire Smith, Sally K. May, Ines Domingo (E-mail contact: claire.smith@flinders.edu.au)

Rock art and human use of space in desert landscapes: a comparative perspective
Guadalupe Romero Villanueva, Zaray Guerrero Bueno, Marcela Sepúlveda (E-mail contact: guada.romero.arq@gmail.com)

Rock Art and World Heritage
Sally K. May, Jan Magne Gjerde, Paul S.C. Taçon (E-mail contact: sally.may@anu.edu.au; jan.magne.gjerde@uit.no; p.tacon@griffith.edu.au)

Rock Art for Bio Cultural Diversity
Kalyan Kumar Chakravarty, Sarit Chaudhury, Banshidhar Malla (E-mail contact: kkchakraborty@cg.nic.in)

Rock art in the Italian peninsula and islands: issues about the relation between engraved rocks, symbols, mountain areas and paths
Renata Grifoni Cremonesi, Anna Maria Tosatti, Anna Depalmas, Françoise Lorenzi (E-mail contact: renata.grifoni@unipi.it; annamariatosatti@gmail.com)

Rock art in landscape of motion
Paweł Lech Polkowski, Heiko Riemer, Frank Förster (E-mail contact: ppolkowski@o2.pl; heiko.riemer@uni-koeln.de; frankfoerster@gmx.de)

Rock Art Science
Robert G. Bednarik, Giriraj Kumar, Tang Huisheng (E-mail contact: robertbednarik@hotmail.com; girirajrasi.india@gmail.com; tanghuisheng@163.com)

Rupestrian archaeology, questions & answers: tools, methods and purposes
Andrea Arcà, Yang Cai, Paolo Medici, Giulia Rossi, Manuel Santos-Estévez (E-mail contact: paolo.medici@hotmail.com; giulia.rossi1984@hotmail.it; aa_arca@yahoo.it; ycai@cmu.edu)

Rupestrian expressions in historical periods
Federico Troletti, Philippe Hameau (E-mail contact: fedetroletti@libero.it)

Recurrent themes in world Rock-Art
Michel Jusmand, Pedro Paulo Funari (E-mail contact: micheljustamand@yahoo.com.br; ppfunari@uol.com.br)

Sex, drugs and rock & roll
Mila Simões de Abreu, Cristiane Buco (E-mail contact: msabreu@utad.pt; archeocris@icloud.com)

Shared traditions and cultural diversity in the Prehistoric Mediterranean Rock Art
Maria Giuseppina Gradoli, Guillaume Robin, Claudia Defrasne (E-mail contact: ggradoli@yahoo.it; guillaume.robin@ed.ac.uk; claudia.defrasne@gmail.com)

Statue-stele in Europe, Asia and the Mediterranean basin
Stefania Casini, Angelo Eugenio Fossati, Marta Diaz-Guardamino (E-mail contact: ae.fossati@libero.it)

Stylistic groups and social portrait at the dawn of complex societies
Luis C. Teira Mayolini, Roberto Ontañón Peredo, Marta Díaz-Guardamino, Pablo Arias Cabal (E-mail contact: luis.teira@unican.es; ontanon_r@cantabria.es)

"Things" in rock art of the world
Mila Simões de Abreu, Luis Jorge Gonçalves, Angelo Eugenio Fossati (E-mail contact: msabreu@utad.pt)

 

download the book of rationals

In via di definizione

Sponsor ufficiali del congresso

Finanziaria di Valle Camonica Spa - Piazza Vittoria, 19 – 25043 BRENO (BS)

Il prossimo Congresso Internazionale di Arte Rupestre IFRAO avrà luogo in Valcamonica dal 29 agosto al 2 settembre 2018 e riporterà l’attenzione dei ricercatori di tutto il mondo sulla nostra Valle (aspettiamo 800-1.000 specialisti in arte rupestre provenienti da tutto il mondo nella nostra regione).

La conferenza stampa di presentazione del congresso e la firma dell'accordo di collaborazione fra CCSP, Regione Lombardia e Enti Locali avranno luogo a Capo di Ponte, presso la sede del Centro Camuno di Studi Preistorici, giovedì 16 febbraio 2017 alle ore 11:00

Alla presentazione parteciperanno gli Assessori Regionali alla Cultura e allo Sviluppo Economico, Cristina Cappellini e Mauro Parolini, i rappresentanti degli Enti Locali e del Gruppo Istituzionale di Coordinamento del sito Unesco 94.

La Stampa è invitata a partecipare, per conferma e informazioni si prega di contattare la segreteria del Centro Camuno di Studi Preistorici, tel 0364 42091 email: info@ccsp.it

comunicato stampa | programma | scheda di presentazione

rassegna stampa

 

 
XX INTERNATIONAL ROCK ART CONGRESS IFRAO 2018
Centro Camuno di Studi Preistorici - tel. +39 0364 42091 - ifrao2018@ccsp.it