italian english

Un'iniziativa di

 

con il sostegno di

 

Nella splendida cornice della Valle dei Segni - patrimonio UNESCO dal 1979 - l'Università degli Studi di Milano con la sua sede distaccata denominata Università della montagna centro di eccellenza per lo studio, la ricerca e la formazione sulle tematiche montane e il Centro Camuno di Studi Preistorici, da 50 anni all'avanguardia nelle tecniche di documentazione e analisi dell'arte rupestre, organizzano il primo corso multidisciplinare di perfezionamento in
rilevamento dell'Arte Rupestre.

L'arte rupestre è strettamente legata al territorio in cui si cala, tanto da poter essere considerata la prima forma di land-art. Il territorio montano o vallivo in cui è inserita la maggior parte dell'arte rupestre (come ad esempio in Valcamonica) diventa soggetto di valorizzazione nel suo insieme, promuovendo così anche attività di mantenimento del territorio e recupero di aree boschive dismesse o abbandonate per creare percorsi di accesso al patrimonio archeologico. La presenza di arte rupestre può diventare il volano per la valorizzazione, la conservazione e la promozione del territorio e del turismo.

Le lezioni frontali vedranno partecipare i massimi esperti nazionali e internazionali del settore, anche grazie alle lezioni in streaming in diretta dai maggiori istituti di ricerca.

Numero massimo posti disponibili: 30
Quota di partecipazione: 680 euro (Possibilità di vitto e alloggio in strutture convenzionate)
Periodo di svolgimento: dal 22 agosto al 4 settembre 2016
Lezione introduttiva in streaming: 29 luglio 2016

Manifestazione di interesse: inviare una mail a corso.edolo@unimi.it (allegando CV e lettera di presentazione), le iscrizioni saranno perfezionate a partire da un mese prima della data di inizio del corso attraverso specifica modulistica

Destinatari:

Classi di laurea ex DM 16 marzo 2007: L-01 Classe delle Lauree in Beni Culturali, L-06 Classe delle Lauree in Geografia, L-21 Classe delle Lauree in Scienze della Pianificazione Territoriale, Urbanistica, Paesaggistica e Ambientale, L-10 Classe delle Lauree in Lettere, L-32 Classe delle Lauree in Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Natura, L-34 Classe delle Lauree in Scienze Geologiche, L-42 Classe delle Lauree in Storia, L-43 Classe delle Lauree in Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali.
Classi di laurea ex DM 16 marzo 2007 - Determinazione delle classi di laurea magistrale: LM-1 Antropologia culturale ed etnologia, LM-2 Archeologia, LM-10 Conservazione dei beni architettonici e ambientali, LM-11 Conservazione e restauro dei beni culturali, LM-15 Filologia, letterature e storia dell’antichità, LM-74 Scienze e tecnologie geologiche, LM-75, Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio, LM-76 Scienze economiche per l’ambiente e la cultura, LM-80 Scienze geografiche, LM-84 Scienze storiche.

Informazioni
Segreteria organizzativa e sede:
Gesdimont
via Morino n. 8 – Edolo (BS)
Tel/Fax. 0364/71324
Mail: corso.edolo@unimi.it
Coordinatrice del corso: Anna Giorgi

Sede attività sul campo:
Centro Camuno di Studi Preistorici
via Marconi 7 - Capo di Ponte (BS)

CARATTERISTICHE DEL CORSO
Il Corso di perfezionamento in “Rilevamento dell’Arte Rupestre. Nuove metodologie per la documentazione e gestione di un patrimonio montano e vallivo” viene proposto da “Università della Montagna” (Centro d’eccellenza dell’Università di Milano distaccato a Edolo) in collaborazione con il Centro Camuno di Studi Preistorici al fine di formare nuovi professionisti e trasformare il patrimonio storico-culturale in leva profittevole per la valorizzazione e la crescita economica dei territori. Il Corso è una specializzazione post-laurea che conferisce un titolo accademico.
Il programma prevede di fornire ai partecipanti un sguardo “allargato” sia geograficamente che cronologicamente, e di mettere a sistema discipline complementari, utili per fornire nozioni, metodologie e arricchire l’esperienza sul campo di futuri specialisti in arte rupestre.
Le lezioni prevedono sessioni teoriche e pratiche di topografia con uso di sistemi GPS, stazioni totali, creazione e gestione di database, ma anche nozioni di archeo-geologia e archeobotanica, conservazione e restauro del patrimonio archeologico.
L’offerta rientra tra le proposte formative a realizzazione degli obiettivi dell’Accordo di Programma (AdP) tra il MIUR e l’Università degli Studi di Milano, siglato in data 28/07/2011, progettato con specifico riferimento alle strategie identificate nell’attuazione del Programma, tra cui l’ampliamento dell’offerta formativa nei settori strategici per l’economia montana, quali quello agro-forestale, ambientale, energetico e, in questo caso, turistico con un approccio interdisciplinare, volto all’incentivazione di occasioni di sviluppo per i territori rurali, collinari e di montagna.
Centro Camuno di Studi Preistorici, con un’esperienza maturata in 50 anni di attività, propone questo corso di formazione professionale e di specializzazione nel settore delle scienze umane e dei beni culturali con una doppia modalità, teorico e pratica direttamente in campo.
Il CdP apre la possibilità di apprendimento e applicazioni agli studenti e laureati europei, offrendo lezioni e contributi da parte di professori e professionisti operativi in Italia, Spagna, Portogallo, Scandinavia, Inghilterra e mettendo a disposizione la rete di esperti che il Centro ha saputo intessere nel tempo con università e centri di ricerca di tutta Europa.
Strumenti professionali acquisiti
Alla fine del CdP i partecipanti potranno padroneggiare una serie di nozioni teoriche e di strumenti pratici utili per lavorare in molteplici ambiti legati all’arte rupestre ed in particolare di: (1) acquisire il background teorico necessario per situare il fenomeno studiato all’interno di un quadro cronologico e culturale; (2) padroneggiare diverse metodologie di rilievo e gestione dei dati con particolare interesse verso le tecnologie emergenti; (3) indagare e studiare l’arte rupestre in relazione dello stretto rapporto con il contesto ambientale in cui è inserita; (4) comprendere e saper analizzare tale contesto composto da aspetti botanici, climatici e geologici; (5) conoscere gli aspetti basilari di tutela e conservazione del patrimonio archeologico; (6) comprendere le problematiche relative alla musealizzazione dell’arte rupestre.

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO
Il CdP ha una durata di 80 ore, concentrato in due settimane di lavoro (da lunedì a venerdì, 7 ore -  sabato, 5 ore); pratica e teoria vengono erogate in combinazione flessibile, in modo da essere gestibili in caso di maltempo e da permettere mettere in pratica gli strumenti teorici appresi durante le lezioni frontali.
Il corso, per la sua particolarità di unire teoria e pratica, dovrà essere svolto in loco; i partecipanti frequenteranno le lezioni teoriche presso l’Università della Montagna a Edolo (BS) e quelle pratiche nei siti archeologici in Valcamonica (Riserva Naturale Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo).
Il CdP prevede anche l’utilizzo dell’aula virtuale che consente l’erogazione di lezioni a distanza (docenti residenti all’estero), il collegamento contemporaneo da più sedi e con più partecipanti, attività interattive di domanda e risposta, sia mediante partecipazione audio-video in sincrono, sia mediante chat.
Il CdP prevede una prova finale consistente nella stesura di un articolo (max 12 cartelle) relativo ad uno degli argomenti affrontati durante le lezioni. Gli elaborati saranno sottoposti ai referee della rivista “BCSP - Bollettino del Centro Camuno di Studi Preistorici” e i migliori contributi saranno pubblicati.

AMMISSIONE AL CORSO
L’ammissione al corso avviene attraverso la valutazione del Curriculum Vitae. Per partecipare al CdP è quindi necessario inviare il proprio CV accompagnato da una lettera di presentazione in cui viene resa noto il proprio livello di conoscenza e le esperienze specifiche legati all’arte rupestre all’indirizzo corso.edolo@unimi.it (allegando CV e lettera di presentazione), le iscrizioni saranno perfezionate a partire da un mese prima della data di inizio del corso attraverso specifica modulistica.