italian english
testata
Centro Camuno di Studi Preistorici

Il Centro Camuno di Studi Preistorici (CCSP), ente culturale senza fini di lucro, nasce in Valcamonica nel 1964. Dall'esperienza di documentazione e ricerca maturate in Valcamonica, muove una grande avventura intellettuale: documentare, valorizzare e comprendere l'arte rupestre trasformando la ricerca scientifica in cultura e in sapere per tutti.

L'arte rupestre è un patrimonio ricco ma fragile, il miglior strumento per tutelarlo è farlo conoscere. La conoscenza delle origini, della propria storia, dei suoi riferimenti, collegamenti, fusioni deve essere parte delle conoscenze di ogni individuo. Permettere anche al vasto pubblico di percepire l'importanza storica e culturale dell'arte preistorica e tribale significa responsabilizzare e coinvolgere tutti nella sua salvaguardia.

Il CCSP ha dato un contributo decisivo nel riconoscimento della Valcamonica come sito del patrimonio culturale UNESCO. In più di cinquant'anni di attività il CCSP ha condotto ricerche in Valcamonica e Valtellina, in gran parte dei siti di arte rupestre in Italia e nel Mondo, raccogliendo migliaia di documenti riuniti e catalogati che, insieme alla biblioteca specialistica, costituiscono l'archivio WARA.pro (World Archive of Rock Art).

Le Edizioni del Centro sono la divisione editoriale del CCSP e offrono spazi di editoria e diffusione delle informazioni a studiosi e ricercatori in Italia e all'estero. Il BCSP, periodico internazionale di arte preistorica e tribale, testimonia quarant'anni di progresso nella ricerca e pubblicando articoli, rapporti di ricerca e resoconti di recenti scoperte da tutto il mondo.

Il CCSP realizza mostre per il grande pubblico in Italia e all'estero, organizza regolarmente convegni internazionali oltre a stage e seminari di formazione per specialisti.

Sostieni le attività del CCSP, clicca qui per iscriverti

  • 5 per mille
  • contatti
  • statuto
  • Consiglio direttivo
  • Comitato Scientifico
  • dipartimenti



Cari Soci, Amici e Sostenitori,

Con la presentazione della dichiarazione dei redditi delle persone fisiche che sarà fatta quest’anno, per i redditi 2013, sarà possibile esercitare l’opzione di versare il 5 per mille a favore del Centro Camuno di Studi Preistorici.
Versare il 5 per mille non significa pagare più tasse. Semplicemente una parte delle nostre tasse, che altrimenti confluirebbe nelle casse dello stato, sarà assegnata al Centro Camuno di Studi Preistorici.

Per destinare il proprio 5 per mille al Centro si dovrà firmare nel riquadro "Sostegno del volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui art. 10, c.1, lett a), del D.lgs. n. 460 del 1997" e indicare nel  riquadro il codice fiscale del Centro Camuno 81003350170.

Grazie fin d’ora per il vostro sostegno.



Visualizzazione ingrandita della mappa

 

Centro Camuno di Studi Preistorici
via Marconi, 7 - 25044 Capo di Ponte (Bs) ITALY
tel +39 0364 42091 fax +39 0364 42572

Segreteria: info@ccsp.it
Biblioteca: biblioteca@ccsp.it

Posta certificata: centrocamunostudipreistorici@pec.it

Partita Iva: 00723710984
Codice fiscale: 81003350170

Denominazione, sede e scopo | Soci | Patrimonio sociale | Organi sociali

Denominazione, sede e scopo
Art 1) - È costituita l'associazione senza fini di lucro denominata Centro Camuno di Studi Preistorici ed Etnologici (abbreviato Centro negli articoli seguenti).
Art 2) - La sede del Centro è a Capo di Ponte. È facoltà del Consiglio Direttivo istituire sezioni o distaccamenti in altre località, con appositi regolamenti.
Art. 3) - Il Centro ha per scopo lo studio dell'arte preistorica e degli altri elementi che rivelano dati sulla vita economica, sociale e spirituale dell'uomo preistorico e primitivo, con speciale riferimento alla Civiltà Camuna e alle altre civiltà consimili.
Art. 4) - Per il raggiungimento di detto scopo il Centro si propone di:
a) effettuare ricerche in Valcamonica per lo studio, l'illustrazione e la diffusione della conoscenza dell'arte rupestre camuna e delle altre antichità della valle;
b) farsi iniziatore, raccoglitore e realizzatore di studi nel proprio oggetto di interessamento, anche oltre i limiti della Valle, anche in altre regioni ed in altri paesi, mantenendo la base nella Valcamonica, riserva naturale di importanza mondiale della preistoria e dell'arte rupestre;
c) realizzare studi e ricerche specializzati nel proprio campo di interessamento, senza alcuna limitazione geografica. Tali studi e ricerche potranno essere eseguiti in proprio come pure in collaborazione con altri Enti Nazionali, Stranieri o Internazionali, a seconda delle necessità o richieste che si presenteranno nei vari casi specifici;
d) pubblicare ricerche utili per l'avanzamento della scienza preistorica ed etnologica, per lo studio e la conoscenza dell'arte preistorica e delle altre espressioni spirituali e culturali dell'uomo preistorico e primitivo;
e) organizzare convegni, corsi, incontri e concorsi, seminari di ricerca e di studio, e dare vita ad un cenacolo scientifico e culturale in Valcamonica, al fine di educare e indirizzare studiosi e studenti agli scopi e tecniche dell'oggetto di interessamento del Centro;
f) raccogliere rilievi, decalchi, ritrovamenti ed altri documenti pertinenti all'oggetto di interessamento del Centro, in una collezione che, con l'appoggio delle competenti autorità, possa diventare il museo Camuno dell'Arte Preistorica;
g) provvedere alla formazione e alla qualificazione professione di personale, italiano e straniero mediante anche la concessione di borse di studio o di particolari contributi;
h) attraverso le sopraelencate attività, e altre attività analoghe che potranno essere svolte, dare il proprio contributo al movimento scientifico sul piano internazionale, allo studio generale delle origini della civiltà camuna, con speciale riferimento alla espressioni artistiche e alle altre espressioni dello spirito dell'uomo preistorico, quale Centro unico nel suo genere, dedicato allo studio delle origini del pensiero e dei valori morali e spirituali della civiltà umana.

Soci
Art. 5) - I Soci si distinguono in effettivi e onorari. L'ammissione di un Socio è subordinata all'approvazione del Consiglio Direttivo. Sono ammessi a far parte del Centro in qualità di Soci effettivi coloro, enti o persone, che collaborino con ampi apporti finanziari o di carattere scientifico. Il Consiglio Direttivo può conferire la qualità di Socio onorario ad enti o persone che per benemerenze scientifiche o per il loro appoggio morale o materiale si siano particolarmente resi benemeriti nei riguardi delle finalità che il Centro si prefigge. Possono essere ammessi a far parte del Centro quali aderenti, senza diritto di voto, anche tutti gli enti o persone che avranno sottoscritto la quota annuale determinata nella sua misura minima dal Consiglio Direttivo.

Patrimonio sociale
Art. 6) -Il patrimonio del Centro è formato dalle quote associative, da un fondo inalienabile di Lit. centomilioni (attualmente sotto forma di titoli di debito pubblico) e da qualsiasi altro bene, a qualsiasi titolo pervenuto all'associazione.

Organi sociali
Art. 7) - Sono organi del Centro:
a) l' Assemblea Generale;
b) il Consiglio Direttivo;
c) il Direttore;
d) il Collegio dei Revisori dei Conti.
Art. 8) L'Assemblea Generale è costituita da tutti i Soci del Centro effettivi e onorari. Essa si riunisce in sessione ordinaria due volte all'anno. L'Assemblea approva annualmente entro il mese di novembre il bilancio di previsione e entro il mese di marzo il conto consuntivo, nomina il Consiglio Direttivo e delibera su tutte le altre questioni proposte dal Consiglio Direttivo e dal Direttore e su quelle per le quali, prima della Convocazione, venga richiesta l'iscrizione all'ordine del giorno da parte di almeno 40 soci. L'Assemblea si riunisce in sessione straordinaria ogni qualvolta il Presidente del Consiglio Direttivo o la maggioranza del Consiglio Direttivo stesso lo ritengano opportuno, oppure quando ne sia fatta richiesta da almeno un quinto dei soci. La convocazione è fatta a mezzo di lettera inviata a ciascuno dei soci effettivi e onorari almeno quindici giorni prima della data fissata per la riunione. L'Assemblea è valida quando sia presente la maggioranza dei soci. Qualora la maggioranza non sia raggiunta all'ora stabilita, l'Assemblea si riunisce validamente dopo trascorsa un'ora, qualunque sia il numero dei presenti. La seconda convocazione dell'Assemblea Generale dei Soci rispetta lo stesso termine di avviso della prima. Ogni socio ha diritto ad un voto. Gli Enti che siano soci del Centro e che intendano avvalersi del diritto di voto devono comunicare alla segreteria del Centro, prima dell'Assemblea il nome della persona incaricata di rappresentarli.
Art. 9) - Il Consiglio Direttivo è composto da non più di 11 membri così nominati:
a) Sette consiglieri vengono eletti ogni biennio dall'Assemblea Generale, a scrutinio segreto, sulla base di una lista formata dai soci che siano candidati nei tempi e nei modi stabiliti e dai consiglieri uscenti non esplicitamente dimissionari (consiglieri elettivi).
b) Un numero non superiore a quattro viene nominato in rappresentanza di enti pubblici e privati che collaborino attivamente con il Centro con concreti contributi di carattere finanziario, scientifico o di altro genere. A tal fine, il Consiglio Direttivo propone ogni biennio all'approvazione dell'Assemblea Generale gli Enti prescelti, richiedendo loro - in caso di votazione favorevole - la proposta di un rappresentante da inserire nel Consiglio (Consiglieri non elettivi).
c) I primi due soci non eletti vengono considerati Consiglieri supplenti e partecipano alle riunioni del Consiglio Direttivo.
d) Tutti i consiglieri durano in carica due anni e sono rieleggibili. In caso di dimissioni o di decesso di un consigliere elettivo il Consiglio provvede alla sua sostituzione, per il periodo rimanente del biennio, a mezzo surrogazione col primo dei non eletti dall'Assemblea Generale.
e) Un consigliere che sia assente non giustificato per più di tre riunioni consecutive di Consiglio viene considerato dimissionario.
f) Il Consiglio Direttivo nella sua prima seduta provvederà a nominare un Presidente del Consiglio Direttivo, un Vice Presidente ed un Segretario; Presidente, Vice Presidente e Segretario, durano in carica quanto il Consiglio e sono rieleggibili. Il Consiglio Direttivo ha la responsabilità amministrativa dell'andamento del Centro e delibera sulle materie relative; ha funzione consultativa sull'andamento tecnico del Centro. Si riunisce come minimo due volte all'anno e ogni qualvolta sia ritenuto opportuno dal Presidente del Consiglio Direttivo, dal Direttore o dalla maggioranza dei consiglieri. Le riunioni sono valide se è presente più della metà dei componenti. Per la validità delle deliberazioni è necessario il voto favorevole di due terzi dei presenti.
g) Il Presidente del Consiglio Direttivo ha la rappresentanza legale del Centro; convoca e presiede le Assemblee Generali e le riunioni del Consiglio Direttivo; è sostituito in caso di assenza o di impedimento dal Vice Presidente. Il Segretario del Consiglio Direttivo tiene i verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo e dell'Assemblea.
Art. 10) - Il Direttore è nominato dal Consiglio Direttivo, dirige l'attività del Centro e ne assume la piena responsabilità sull'andamento tecnico-scientifico; nelle questioni di particolare gravità sentirà il parere consultivo del Consiglio Direttivo. Il Direttore rappresenta il Centro nelle sue attività statutarie, nei congressi scientifici e nelle commissioni.
Su proposta del Direttore il Consiglio Direttivo nomina i dipendenti e gli impiegati del Centro; il Direttore li dirige e risponde delle loro attività. Il Direttore è autorizzato a compiere direttamente tutte le operazioni di ordinaria amministrazione nei limiti previsti dal bilancio.
Art. 11) - Il collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri nominati dalla Assemblea tra Soci e non Soci. I revisori dei Conti esaminano il bilancio finanziario e durano in carica due anni.
Art. 12) - In caso di scioglimento del Centro, gli eventuali beni di cui fosse titolare saranno devoluti alla Comunità Montana di Valle Camonica.
Art.13) - Per tutto quanto non espressamente contemplato si fa riferimento a quanto stabilito dal Codice Civile relativamente alle associazioni riconosciute.

MEMBRI CONSIGLIO DIRETTIVO e REVISORI dei CONTI (nov 2015 - nov 2017)

Presidente Consiglio Direttivo
Dott. Federico TROLETTI

Vice Presidente
Dott.ssa Daria ARMANINI

Consiglieri Effettivi
Arch. Tiziana CITTADINI
Arch. Claudio GASPAROTTI
Dott. Federico MAILLAND
Sig.a Daniela ROSSI
Dott. Paolo MEDICI
Sergio BOMONELLI (in rappresentanza del GIC - sito Unesco 94)

Consiglieri  Supplenti
Dott.ssa Giulia ROSSI
Arch. Paola VELLEDA ROTTOLA

Revisori dei Conti
Dott.ssa Vittorina Mariella BIATTA
Dott. Massimo CHIARENZA
Ing. Luigi MOR

Presidente onorario
Prof. Emmanuel ANATI


COMITATO SCIENTIFICO CCSP:

Annaluisa Pedrotti
Dipartimento di Filosofia, Storia e Beni Culturali, Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento, Italia

Mila Simões de Abreu
Dipartimento di Archeologia, Università di Trás-os-Montes e Alto Douro (UTAD), Vila Real, Portogallo

Raffaele De Marinis
Dipartimento di Scienze dell’Antichità, Sezione di Archeologia, Università degli Studi di Milano, Italia

Ulf Bertilsson
Swedish Rock Art Research Archives, Institutionen för Historiska studier, Università di Göteborgs, Svezia

Tino Bino
Università Cattolica di Brescia, Italia

Segretario Comitato:
Federico Troletti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dipartimento Valcamonica e Lombardia del Centro Camuno di Studi Preistorici

Il Dipartimento Valcamonica e Lombardia è una sezione specifica del Centro Camuno di Studi Preistorici (CCSP) diretto Umberto Sansoni con la collaborazione di Silvana Gavaldo e Cristina Gastaldi.
Nato nel 1987, il Dipartimento compie ricerche sull'arte rupestre nell'arco alpino, con particolare riguardo alla Valcamonica, alla Valtellina e alle Alpi Centrali, approfondendone le tematiche sul piano archeologico, antropologico, del simbolismo e della fenomenologia delle religioni anche mediante confronti e parallelismi in Europa e nelle aree d’arte rupestre extra-europee.
I risultati di tali ricerche vengono pubblicati in volumi e articoli su periodici del settore e sono oggetto di relazioni e conferenze, contribuendo così alla comprensione e alla salvaguardia del patrimonio artistico preistorico presente in Italia.
La valorizzazione di tale patrimonio continua tutto l'anno attraverso mostre, convegni, seminari, stages per le scuole e si consolida attraverso partnerships con enti stranieri (Svezia, Francia, Spagna) che si trovano ad operare nell'affascinante settore dell'arte rupestre.

Per approfondimenti visita il sito web dedicato http://simbolisullaroccia.it/